Il gasdotto Turkstream fuorilegge per le sanzioni UE. Altra sanzione verso il gas russo

Home » News » Economia » Il gasdotto Turkstream fuorilegge per le sanzioni UE. Altra sanzione verso il gas russo
Economia, News, Rassegna Stampa Nessun commento
image_pdfimage_print

Le autorità olandesi hanno ritirato la licenza di esportazione della società che gestisce il gasdotto TurkStream dalla Russia alla Turchia, ha dichiarato la società  stessa, che ha sede nei Paesi Bassi.

South Stream Transport ha tuttavia fatto notare che il flusso di gas continuerà mentre richiede una nuova licenza, ha riferito Reuters. La revoca della licenza è stata motivata dalle nuove sanzioni dell’UE contro la Russia.

“Per tutto il 2022, l’Unione Europea ha imposto periodicamente ulteriori sanzioni volte a limitare le esportazioni di materiali, tecnologie e servizi delle aziende che supportano le attività della Russia”, ha dichiarato l’operatore del gasdotto in un comunicato citato dalla TASS.

“A seguito delle nuove sanzioni del 18 settembre 2022, la licenza di esportazione di South Stream Transport B.V., l’operatore del gasdotto offshore TurkStream, attraverso il quale il gas russo viene trasportato attraverso il Mar Nero per i consumatori della Turchia e dei Paesi europei, è stata prematuramente revocata”.

“L’introduzione di nuove sanzioni non limita la continuazione del trasporto di gas da parte di South Stream Transport B.V. A questo proposito, l’approvvigionamento di gas di varie industrie e di milioni di famiglie in Turchia e nei Paesi europei non sarà influenzato nel breve e nel lungo termine”, ha dichiarato la società.

Il gasdotto TurkStream, che ha una capacità di 31,5 miliardi di metri cubi all’anno, fornisce gas russo alla Turchia e all’Europa meridionale. È stato lanciato nel 2020 come parte degli sforzi della Russia per diversificare le sue rotte di esportazione dall’Ucraina. In realtà una parte del gas del TAP potrebbe anche provenire da questo gasdotto interconnesso con quello anatolico che proviene dal Caucaso.

Dal lancio all’inizio del 2020 alla fine del 2021, il gasdotto TurkStream ha trasportato circa 18 miliardi di metri cubi di gas in Turchia e 16,8 miliardi di metri cubi nei Paesi europei, secondo quanto riportato dai media turchi all’inizio di quest’anno.

Ora, dopo il sabotaggio dei due gasdotti Nord Stream, il TurkStream rimane l’unico canale di trasporto del gas naturale russo verso l’Europa, oltre ai gasdotti che passano attraverso l’Ucraina. Chiuderlo potrebbe essere un bel problema, ecco perché è meglio rifondare la società che lo gestisce.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Minds

https://scenarieconomici.it/il-gasdotto-turkstream-fuorilegge-per-le-sanzioni-ue-altra-sanzione-verso-il-gas-russo/