Traffico ferroviario USA in Calo: segno di un’economia che tira poco

Home » News » Economia » Traffico ferroviario USA in Calo: segno di un’economia che tira poco
Economia, News, Rassegna Stampa Nessun commento
image_pdfimage_print

Un indicatore dell’andamento economico previsionale rispetto al PIL è il traffico merci ferroviario, soprattutto  nei paesi dove questo strumento è estremamente utilizzato, come gli USA, dove lunghissimi treni merci a due piani sono parte del paesaggio del Midwest. Ecco che allora questo indicatore inizia a suonare l’allarme.  Secondo i dati dell‘Association of American Railroads, nella settimana conclusasi il 24 settembre il traffico ferroviario statunitense è diminuito del 4,4% rispetto allo stesso periodo del 2021, raggiungendo solo i 489.111 vagoni carichi. 

Le ferrovie hanno registrato 231.258 carichi di vagoni merci, in calo del 3,2%, e 257.853 container e rimorchi, in calo del 5,4%.

Tre dei 10 gruppi di merci a carico che l’AAR traccia settimanalmente hanno registrato aumenti. Si tratta di veicoli a motore e parti di ricambio, con un aumento di 1.610 carichi a 13.165; carbone, con un aumento di 819 carichi a 70.697; e minerali non metalliferi, con un aumento di 372 carichi a 34.436. Il carbone è interessante perché mostra il ritorno della fonte fossile energetica più antica.

I gruppi di prodotti che hanno registrato una diminuzione rispetto alla stessa settimana del 2021 sono stati i minerali metallici e i metalli, con un calo di 3.405 carichi a 20.708; i cereali, con un calo di 2.276 carichi a 19.540; e i prodotti chimici, con un calo di 1.758 carichi a 30.261.

Per le prime 38 settimane del 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021:

  • Le ferrovie statunitensi hanno registrato un volume cumulativo di 18.782.988 carichi e unità intermodali, in calo del 2,7%;
  • Le ferrovie canadesi hanno registrato 5.499.480 carichi di vagoni, container e rimorchi, con un calo del 2,4%;
  • le ferrovie messicane hanno registrato 1.417.850 carichi di auto e container intermodali e rimorchi, con un aumento del 2,5%.

Nel frattempo, le ferrovie canadesi hanno registrato 79.152 carichi di vagoni, in calo dell’1,2%, e 68.448 unità intermodali, in calo del 3,6%. Le ferrovie messicane hanno registrato 22.855 carichi di auto, con un aumento del 22,4%, e 15.718 unità intermodali, con un aumento del 15,3%.

Quindi sia USA sia Canada mostrano un sensibile calo del traffico merchi che non mancherà di ripercuotersi presto sull’attività economica.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Minds

https://scenarieconomici.it/traffico-ferroviario-usa-in-calo-segno-di-uneconomia-che-tira-poco/