Mezzo mondo sta rimborsando i danni per i vaccini, tranne gli USA…

Home » News » Economia » Mezzo mondo sta rimborsando i danni per i vaccini, tranne gli USA…
Economia, News, Rassegna Stampa Nessun commento
image_pdfimage_print

Nonostante tutta le sicurezza decantata relativa ai vaccini covid-19 diversi paesi hanno attivato ampi programmi di rimborso per chi ha subito dei danni per gli effetti collaterali dei vaccini stessi. Alcuni paesi hanno riconosciuto casi che in Italia probabilmente sarebbero, ingiustamente, contestati. Facciamo qualche esempio esteso a livello mondiale:

Giappone: il Japan Times ha riportato questa settimana che una donna di 91 anni, morta dopo una risposta allergica e un improvviso attacco di cuore, è la prima persona in Giappone a essere risarcita per un danno da vaccino COVID. Una commissione del Ministero della Salute ha stabilito che il rapporto di causalità “non poteva essere negato” nel suo caso. La sua famiglia riceverà una somma forfettaria di circa 325.000 dollari.

La commissione ha esaminato altri 11 casi, di età compresa tra i 20 e i 90 anni, ma questa è stata la prima decisione, mentre le altre sono pendenti. Finora in Giappone, secondo l’articolo, 3.680 persone hanno fatto richiesta di risarcimento, 820 sono state approvate e 62 negate, mentre le decisioni su altre 16 sono state “rinviate”.

Taiwan: secondo il Taipei Times, il 24 giugno 2022 il National Vaccine Injury Compensation Program di Taiwan ha tenuto una riunione per esaminare 65 casi. Il programma taiwanese ha assegnato un risarcimento a 10 richiedenti. Tra questi, una somma forfettaria di 116.877 dollari alla famiglia di una persona deceduta dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca.

Il paziente era stato ricoverato in ospedale 10 giorni dopo aver ricevuto il vaccino a causa di mal di testa e vomito. Gli esami hanno rivelato una trombocitopenia, un disturbo del sangue talvolta letale caratterizzato da un basso livello di piastrine. Tuttavia, il paziente è stato dimesso il giorno successivo, per poi tornare la sera stessa dopo aver perso conoscenza. Il paziente è morto per emorragia intracerebrale, una causa comune di ictus.

Regno Unito: Vicki Spit è stata la prima di una manciata di persone nel Regno Unito a ricevere un risarcimento per le lesioni causate dai vaccini COVID, secondo un articolo del 24 giugno 2022 del British Medical Journal.

Il compagno di Spit, Zion, 48 anni, si ammalò otto giorni dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca e morì. Alle vittime è stato riconosciuto il massimo: $150,000. A maggio 2022, erano state presentate 1.681 richieste di risarcimento per lesioni da vaccino in seguito a vaccinazioni COVID-19. Sono stati riportati 444 casi accertati di gravi effetti collaterali in corso di esame.

Canada:  il Canada ha ricevuto più di 700 richieste di risarcimento e ne ha approvate 8
Secondo il Vaccine Injury Support Program (VISP) del Canada, dal 1° giugno 2021 al 1° giugno 2022 sono state ricevute 774 richieste di risarcimento. Otto di queste richieste sono state “approvate dal Medical Review Board”, ovvero “queste richieste rappresentano casi in cui il Medical Review Board ha stabilito che esiste un probabile legame tra la lesione e il vaccino e che la lesione è grave e permanente”.

Paesi Scandinavi: i Paesi scandinavi hanno prestato maggiore attenzione alle lesioni da vaccino COVID-19 rispetto ad altri Paesi. La Norvegia ha risarcito le prime tre vittime nel luglio dello scorso anno: una donna di 40 anni che è morta, un uomo e una donna di 30 anni che sono sopravvissuti alle lesioni da vaccino.

Tutti e tre erano operatori sanitari che avevano ricevuto il vaccino di AstraZeneca, che la Norvegia ha smesso di somministrare l’11 marzo 2021, a causa di segnalazioni di gravi coaguli di sangue, bassa conta piastrinica ed emorragie anomale. I medici norvegesi sono stati tra i primi a evidenziare il legame tra il vaccino e queste lesioni.

Anche la Danimarca ha gestito in modo rapido e silenzioso le richieste di risarcimento per danni da vaccino. Il governo danese ha concesso un risarcimento per il primo caso di VITT nel maggio del 2021. All’epoca, 158 persone avevano presentato richieste di risarcimento per lesioni da vaccino COVID-19. La direttrice della commissione per gli indennizzi dei pazienti, Karen Inger-Bast, ha dichiarato: “In generale, vediamo spesso lesioni dovute alle vaccinazioni. Le vediamo anche, ad esempio, per la vaccinazione contro l’influenza e le malattie dei bambini. È quello che accadrà anche con il COVID-19, dove verranno vaccinati fino a 5 milioni di persone”.

Mezzo mondo sta quindi rimborsando decine, se non centinaia di casi avversi legati ai vaccini. Curiosamente NON gli USA, sede della principali multinazionali del settore.  Evidentemente non si vogliono causare dei costosi precedenti.

E in Italia?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Minds

Mezzo mondo sta rimborsando i danni per i vaccini, tranne gli USA…